Che Te Lo Scrivo a Fare

Navigo

Intervalli di Tempo

Adoro i time-lapse perché mi fanno pensare alla vita come a una serie di fotogrammi al secondo sparati in velocità, uno dopo l’altro. E poi li adoro perché registrando ogni singolo movimento e spostamento, catturano dettagli che silenziosamente scompaiono nel moto. Non a caso letteralmente i time-lapse si traducono come “intervalli di tempo”. Ma non si tratta di velocità. Il fulcro del time lapse è la labilità del momento, quel salto tra due condizioni statiche. Proprio come i cambiamenti di luce riflessa che gli impressionisti cercavano di catturare nei loro quadri. Monet, per esempio, dipinse trentuno volte La Cattedrale di Rouen per dimostrare l’esistenza della quarta dimensione, ovvero il tempo.

monet

Se di solito in un filmato ci sono 24 fotogrammi al secondo e il tempo sembra scorrere normalmente (perché la frequenza di cattura è pari a quella di proiezione), nel time-lapse la frequenza di registrazione è inferiore a 8 fps (fotogrammi per secondo). Per cui mentre il tempo verrà accelerato, i momenti – i cambiamenti tra due posizioni statiche – vengono scanditi.

Eadweard Muybridge – editore e libraio inglese fissato con la fotografia in movimento – nel 1878 riuscì a dimostrare che durante il galoppo di un cavallo esiste un istante in cui tutte le zampe sono sollevate da terra. Utilizzò 24 fotocamere (sistemate parallelamente lungo il tracciato) che venivano azionate da un filo colpito dagli zoccoli del cavallo. Muybridge destrutturò il movimento della realtà, per studiarne i singoli istanti.

Muybridge

Oggi navigando su Darlin Magazine mi sono imbattuta in un video sorprendente: un time-lapse di 60 secondi che immortala il ciclo di vita di un’ape passando dallo stato di larva a quello d’insetto: lo hanno fatto il fotografo Anand Varma, del National Geographic, insieme all’apicoltrice Alice Rosenthal. I due hanno installato un alveare in teche di vetro e ne hanno monitorato l’evoluzione per sei mesi. Il risultato è affascinante: ogni cambiamento viene catturato nell’anima-zione della vita.

 

 

Commenta: